Usa, dopo 17 anni di detenzione, trovato il sosia, viene scarcerato!

Dietro alle sbarre per 17 anni un uomo, vittima di una ‘giustizia’ sommaria, ha recuperato la sua libertà

Il suo nome è Richard Anthony Jones, condannato 17 anni fa per una rapina in un parcheggio nel Kansas, ma è una delle tante vittime di una ‘giustizia‘ discutibile, sommaria e di parte nei confronti di quanti vivono la dura realtà dell’emarginazione o dei ghetti.

All’epoca del processo Richard, uomo di colore e non certo esponente del jet set statunitense, fu condannato sulla base delle dichiarazioni rese da testimoni, senza che fossero state raccolte prove sufficienti o vi fosse stata un’analisi del Dna, nè delle impronte digitali.

Jones, che pure vantava un alibi comprovato, fu tradotto in carcere e a nulla valsero le sue reiterate proteste e la sua professione d’innocenza.

2497277_1733_carcere.jpg.pagespeed.ce.oqPcLjqYwF

Ebbe inizio per lui l’inferno. Anni di appelli, di richiesta di prove. Nulla, nessun giudice volle accogliere le sue legittime richieste. Le porte del carcere rimasero chiuse per lui.

Ma nel 2015 sentì parlare di un uomo, anche lui in carcere, che gli assomigliava e che aveva il suo stesso nome. I suoi compagni di cella gli assicurarono che erano identici. Dopo aver realizzato che poteva essere lui l’autore della rapina, contattò il Midwest Innocent Project, una ong che fornisce assistenza legale alle persone condannate ingiustamente.

Subito rintracciato l’altro detenuto, risultò essere identico a Jones.

I legali della ong riuscirono a far riaprire il caso e risultò che, all’epoca della rapina, il sosia di Richard viveva a Kansas City, nel Kansas, mentre il detenuto innocente viveva nell’omonima città del Missouri.

Finalmente, nel processo di revisione, i due uomini sono stati messi a confronto e i testimoni non sono riusciti a distinguerli. Così anche l’intransigenza dei giudici ha avuto la peggio di fronte all’evidenza dei fatti.

Jones è stato scarcerato per ‘insufficienza di prove’, quelle stesse prove che non furono raccolte all’epoca.

Ma nessuno potrà restituire a Richard Anthony Jones 17 anni di vita!

#IrmaSaracino