Chile, continua lo tsunami contro la pedofilia

Arrestato prete pedofilo in Chile

Nuovo #arresto in Chile di un sacerdote cattolico, accusato di pedofilia. Sotto inchiesta anche alti prelati, colpevoli di aver taciuto per anni.

Ci sono voluti 18, lunghissimi anni, in Chile perché l’amara verità venisse a galla e la ‘longa mano’ della giustizia stringesse in un pugno di ferro i colpevoli del reato più infamante: #pedofilia.

E’ un vero e proprio tsunami quello che sta investendo la #chiesa cattolica di quella remota terra. Così lontana da noi, ma così vicina per il comune anelito verso una giustizia che è stata troppo spesso dimenticata, a causa di quel silenzio omertoso che ha caratterizzato da sempre i nuclei del potere clericale.

Il dolore di Bergoglio

Ma Papa Bergoglio sa essere duro con coloro che commettono reati abominevoli e da ‘guerriero della fede’ sa combattere in difesa dei diritti dei più deboli.

Il viaggio di Papa Francesco

Quando, lo scorso gennaio, Bergoglio, uomo venuto dall’altra parte del mondo, si è recato in Chile, ha ascoltato attentamente le vittime di questi abusi. E la sua condanna è stata immediata. Una condanna seguita da fatti concreti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Due alti prelati, giunti a Santiago per incarico del Pontefice, hanno indagato, collaborando con le forze dell’Ordine locali. Charles Scicluna, arcivescovo metropolita di Malta, e Jordi Bertomeu, sacerdote catalano membro della Congregazione per la Dottrina della Fede.

L’#arresto di oggi del prete cattolico cileno s’inserisce in un macabro mosaico che va gradualmente componendosi. Le indagini continuano e la verità emerge. Altri 14 #preti cattolici, già sospesi dal servizio nella diocesi di Rancagua, nel sud del Chile, sono infatti accusati di far parte di una rete di pedofili. Una rete che andava avanti da anni con la complicità di alti prelati, colpevoli di aver coperto i fatti.

L’America latina

L’America latina è da sempre teatro di violenze e soprusi. Caratterizzata da forti contrasti economici e sociali, pur nelle ovvie diversificazioni nazionali, vede troppo spesso il trionfo dell’illegittimità e del clientelismo.

La ricchezza più sfrenata convive con la miseria e il degrado degli strati sociali più bassi. Sovente le parrocchie cattoliche divengono così il rifugio di minori che vivono per strada, non tutelati e vittime di abusi.

Ed è in questa triste realtà che l’uomo scopre la sua animalità, dimenticando anche l’ultimo barlume di un’etica troppo scomoda.

#IrmaSaracino