Padre Pio: storia di un santo tradito

Padre Pio tra gli ori

L’immagine di Padre Pio, uomo schivo e povero, umile e riservato, si perde oggi nella perfida logica del guadagno a San Giovanni Rotondo

Quando nel lontano 1916 Francesco Forgione ( al secolo Padre Pio), giunse nel povero convento di San Giovanni Rotondo, borgo perso sulle colline del Gargano, trovò una realtà contadina, ancorata a una quotidianità di stenti e difficoltà.

Padre pio e s.Giovanni Rotondo

Facile quindi per gli abitanti del posto, prevalentemente di estrazione medio-bassa,  credere in un mondo migliore e nelle promesse del trionfo del bene sul male.

E quel fraticello, venuto da Pietralcina, povero tra i poveri, seppe dare loro quelle certezze cui anelavano. Seppe affrontare e vivere la povertà con la serenità di una fede ferrea.

Francesco aveva una parola di conforto per tutti e sapeva leggere nei cuori, illuminando talvolta anche i malvagi. La sua fama crebbe a dismisura, specie quando ricevette alcuni anni dopo le stimmate, che lo accompagnarono per 50 anni.

Padre pio e le stimmate

Le stimmate di Padre Pio

Pio divenne in breve il punto di riferimento di migliaia di fedeli. Tutti alla ricerca di quella pace  che oggi più che mai accompagna l’uomo.

Non amava il lusso e per lui la vera e unica ricchezza era quella dello spirito. Alla semplicità della sua vita, tuttavia, si  accompagnavano doni spirituali ed esperienze mistiche, tutti di carattere soprannaturale, che in breve oltrepassarono la territorialità di quel paesino, giungendo fino alle stanze del potere di Roma.

Il Santo Uffizio

La vita di questo uomo semplice e schietto fu segnata, oltre che dalla lotta contro il demonio, anche dall’ostilità di vari pontefici, che in lui ravvisavano mendacità e fanatismo.

Pio infatti dovette affrontare più volte colloqui con i rappresentanti del Santo Uffizio e fu sottoposto ad analisi per accertare la veridicità delle sue ferite.

Ma la sua fama divenne inarrestabile, grazie soprattutto alle sue capacità di guarigione fisica e spirituale di quanti si rivolgevano a lui. E, quando nel settembre del 1968, la sua vita si spense, tutto il mondo pianse la sua scomparsa.

San Giovanni Rotondo oggi

E ancora oggi la figura di quel Santo, che amava la povertà, domina la scena. Ma è offuscata, svilita, dal #business che ruota intorno alla sua immagine.

San Giovanni Rotondo pullula di fedeli e i centri lussuosi di accoglienza, nonché i punti vendita di oggetti sacri, non concorrono certo a creare quel clima di #spiritualità tanto amato da Padre Pio.

Tutto è ancorato alla fredda logica del guadagno. E, anche gli uomini di #chiesa, contribuiscono notevolmente alla crescente ricchezza di questo luogo.

Gli ori

Il Santo, traslato in una cripta che rifulge d’oro, è esposto  per la gioia di migliaia di visitatori.

Padre Pio

Padre Pio nell’oro

Lui che amava la povertà, disprezzando la ricchezza e lo sfarzo, è lì. Perso nel suo sonno immortale, chiuso nel guscio di una pace apparente.

E la sua semplicità, che lo portava a essere grande tra i grandi, si perde nel ricordo di un tempo che fu.

#IrmaSaracino