NUOVO ALLARME TERRORISMO A ROMA

nuovo allarme

Diramato nella tarda serata di ieri dalla Questura di Roma un nuovo allarme antiterrorismo. Si cerca un giovane siriano.

Sono ore di angoscia quelle che #Roma sta vivendo da ieri sera. E il nuovo giorno ha illuminato  la città eterna in tutto il suo splendore, ma stretta  nell’oscura morsa della paura. Una telefonata infatti, intercettata dalla Questura del posto, ha fatto scattare immediate  misure di sicurezza ed è stato diramato un nuovo allarme antiterrorismo.

nuovo allarme

Vaticano

Domani….in Paradiso

Domani a Roma andrò in paradiso”. Queste le parole pronunciate da un giovane siriano nel corso di una telefonata. Un messaggio chiaro, inequivocabile, che ha fatto scattare l’allerta.

nuovo allarme

Il giovane, di cui per ovvi motivi non si conosce l’identità, probabilmente già monitorato da tempo, è presente su Facebook. Ma il più totale riserbo circonda ogni informazione su di lui.

La Polizia ha reso note  le  tre possibili identità del terrorista e la sua data di nascita.  Secondo le notizie trasmesse è nato in Siria il 5 maggio del 1991, ma anche su questo sono in corso controlli.

Massima attenzione quindi  e, in caso di rintraccio, si raccomanda  di procedere al controllo, allertando immediatamente i reparti della #Digos

Gli interrogativi

Ovviamente sono molti gli interrogativi. Ci si chiede se il messaggio sia attendibile o se sia un depistaggio per poter garantire un’azione indisturbata in qualche altra località. Spesso infatti il #terrorismo sa individuare i sistemi di sicurezza e sa ricorrere a sottili strategie, pur di portare a termine le proprie missioni di morte.

Ma, soprattutto, un ipotetico attacco sarebbe stato pianificato da una rete o sarebbe l’ennesima ‘performance suicida’ di un lupo solitario?

Roma, già da tempo, è nel mirino dalla jihad. Come dimenticare infatti i numerosi appelli a distruggere la città simbolo della cristianità!

Però fino ad ora la nostra intelligence e i nostri sistemi di sicurezza hanno saputo scongiurare ogni eventuale azione terroristica, garantendo così l’incolumità dei cittadini.

Resta da vedere se, anche questa volta, le minacce rimangano sospese nel vortice del terrore , senza tradursi in azione.

Roma, città blindata

Intanto la Capitale vive uno stato di estrema allerta che mina la quotidianità di questa splendida città.

I controlli sono serrati e si temono i luoghi affollati.  E, mentre i turisti si aggirano per le vie,  soffia il vento gelido della paura.

#IrmaSaracino