Abdullah Qardash, l’uomo nuovo dell’Isis

Abdullah Qardash

Secondo il settimanale americano Newsweek sarebbe Abdullah Qardash il nuovo capo dell’Isis

Al di là dei trionfalismi di Trump, che ieri ha ufficializzato la notizia della morte di Al Baghdadi, l’#Isis rende omaggio al nuovo leader. Il suo nome, dato dal settimanale americano Nesweek, è Abdullah Qardash.

Già noto all’Intelligence statunitense, quale successore designato lo scorso agosto da #Baghdadi, ora Abdullah balza agli onori delle cronache. E la sua immagine è già un punto di riferimento e di sostegno per tutti i #jihadisti.

Il sedicente Stato islamico, o ciò che rimane di esso, ha un nuovo capo. Un uomo nuovo, sconosciuto ai più, ma senz’altro determinato e all’altezza del compito.

Identità del nuovo capo

Ma chi è quest’uomo e qual è la sua provenienza? In realtà di lui si sa ben poco e le notizie trapelano in maniera frammentaria.

Pare che sia nato un ufficiale dell’esercito iracheno durante la dittatura di Saddam Hussein. Ma non si sa nulla in merito ai suoi orientamenti politici e ideologici.

Indubbiamente , proprio per il suo passato di militare, le sue azioni e le sue strategie saranno più concrete e razionali di quelle del suo predecessore.

E ci si chieda se l’#Isis possa assumere un volto nuovo, più orientato verso strategie di carattere politico. quindi meno cruente e sanguinarie. Ma le ipotesi lasciano il tempo che trovano. Saranno i fatti a dare delle risposte.

I miliziani #jihadisti hanno sempre dimostrato grandi doti di combattenti, ma il terrorismo, nella sua stessa matrice strutturale, è fallimentare. Può essere legato ad azioni isolate. Cruente, ma improduttive dal punto di vista politico..

Abdullah Qardash
Un miliziano jihadista in azione

Una successione annunciata

Ormai, già da tempo , il ruolo di Al Baghdadi non era più lo stesso. Il suo carisma infatti era legato solo al suo nome. Mentre le azioni venivano pianificate da altri.

Stanco, provato dalla sua latitanza e da ferite riportate nel corso dei vari bombardamenti, attendeva il momento giusto per porre fine alla sua vita. E così è stato

Al Baghdadi, unitamente ad alcune sue mogli, ha preferito morire.

Con lui si è spenta la voce di una pseudoideologia, capace di seminare solo odio e morte.

#IrmaSaracino