Abruzzo, la lunga notte della paura

Abruzzo

Dopo la violenta scossa di terremoto del tardo pomeriggio di ieri, la terra ha continuato a tremare per tutta la notte in Abruzzo

Una notte interminabile, di #paura, quella degli abitanti dei piccoli centri dell’Abruzzo. Una notte trascorsa da molti per strada, temendo il peggio e alla ricerca di una più rapida via di salvezza.

Abruzzo
La paura delle persone

Volti sgomenti, segnati dalla veglia e dalla tensione. Il silenzio della notte, rotto dalle voci dei presenti, e il continuo tremore della terra. Poi, le prime luci dell’alba.

Un nuovo giorno per queste popolazioni, già così provate dagli amari ricordi di un passato difficile da cancellare.

La prima scossa

Erano le 18,45 di ieri quando una scossa di magnitudo 4.4 è stata avvertita a #Roma, ma anche in Campania. L’epicentro a Balsonaro, un piccolo comune in provincia dell’Aquila,

Subito è scattato l’allarme, mentre il panico ha preso stanza nella popolazione. Ad Amatrice, Cassino ed altri centri della Ciociaria la popolazione si è riversata per strada, mentre la terra continuava a tremare.

Per fortuna, malgrado l’intensità del #terremoto, non si sono registrati danni a persone, solo numerose lesioni in abitazioni private,. Subito sospeso il traffico ferroviario.

Abruzzo
Interno di un supermercato romano dopo la scossa di ieri

La notte abruzzese

Ma l’allarme non è rientrato in Abruzzo, dove le scosse si sono susseguite per tutta la notte, in un vero e proprio sciame.

Alle 00,20, infatti, un’altra scossa, di magnitudo 3.5 ha interessato tutto il territorio della Marsica, un’area tra Abruzzo e Lazio, già fortemente provata da terremoti devastanti in passato. Poi, successivamente, altre scosse si sono registrate, ma di minore intensità.

Le dichiarazioni dell’Ingv

Si tratta di una sequenza sismica diversa da quella dell’Italia centrale di qualche anno fa“- ha dichiarato il sismologo Alessandro Amato dell’Ingv- “ Si tratta di un altro sistema di faglie che comunque desta un certo allarme.

L’area infatti è ad alta pericolosità sismica e annovera tristi episodi sismici nel suo passato. Un passato indimenticabile, quindi, per le conseguenze e i danni arrecati agli abitanti della zona in termini di vite umane.

Intanto cresce la tensione e si spera che lo sciame non preluda a qualche fenomeno di maggiore intensità.

#IrmaSaracino