Segnala a Zazoom - Blog Directory

Messico , assalto di pirati contro una nave italiana

Attaccata da pirati, nel golfo del Messico, la nave italiana Remas

Se la cinematografia ci ha fatto sognare di fronte alle storie ed alle imprese dei #pirati, (alcuni entrati nella leggenda), la realtà è ben diversa. E, a quanto sembra, i tempi cambiano, come anche i mezzi, ma le consuetudini no. Il golfo del Messico, un tempo rifugio di questi eroi neri, torna infatti alla ribalta delle cronache per episodi analoghi a quelli del passato.

Messico
L’area dell’attacco


Le sue acque cristalline cominciano ad essere infestate da questi uomini pronti a tutto, pur di portare via un ricco bottino. E la navigazione rischia di divenire così pericolosa.

I pirati sono tornati

Messico
Gli uomini della leggenda

Sembrerebbe il titolo di un film, ma è pura realtà. Una realtà con la quale si sono scontrati la notte scorsa gli uomini dell’#equipaggio della nave italiana Remas. Una #nave di proprietà della Micoperi, un’azienda con sede a Ravenna.

Con la complicità delle tenebre, due barchini velocissimi hanno raggiunto la nostra nave e gli uomini del commando, circa 8, sono riusciti a salire rapidamente a bordo. Qui si è scatenato l’inferno.

I #pirati hanno aperto il fuoco contro i membri dell’equipaggio, ferendone due. Ma questi hanno tenuto testa strenuamente al commando, mettendolo poi in fuga.

Una notte infruttuosa quindi per i nostri pirati che speravano di ‘ripulire’ le 35 persone a bordo della Remas.

I soccorsi

Determinante la presenza nell’equipaggio di un ufficiale della Marina mercantile messicana, che ha poi coordinato i contatti con le autorità locali.

La nave italiana infatti è stata prontamente scortata da un’unità della Marina messicana fino al porto di Ciudad del Carmen, dove era presente anche il personale sanitario per il soccorso e la cura dei feriti.

Un lieto fine quindi per la Remas, grazie soprattutto al coraggio ed al valore dei nostri marittimi. Ma l’episodio s’inserisce in un quadro a dir poco sconfortante.

Sembra che vi sia una ripresa di queste scorrerie piratesche in quei mari. Già il 4 novembre scorso infatti altri pirati avevano attaccato una piattaforma petrolifera nella stessa zona.

Se la presenza di questi ladri marinari dovesse perdurare sarebbe un problema per il Messico. E minerebbe ancora di più la rete dei traffici e dei commerci marittimi con questa Nazione, così compromessa dalle recenti politiche Usa.

Insomma il passato ritorna e queste figure, talvolta d’indiscutibile fascino, ripopolano quei mari che già un tempo li videro protagonisti.

#IrmaSaracino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: