American Airlines dice no ai voli per Milano

american airlines

Sempre più isolata l’Italia. Anche l’American Airlines sospende i voli per il capoluogo lombardo

Una decisione improvvisa, quella della American Airlines, ma che ci dà la misura della drammaticità del momento. Il volo della American Airlines, in programma alle 18.05 (ora locale) di ieri, dall’aeroporto Jfk di New York per #Milano Malpensa, é stato infatti cancellato. Tra i passeggeri anche numerosi italiani.

Il motivo? Il rifiuto dell’#equipaggio di salire a bordo.

L’#equipaggio del Boeing 777-200 del #volo AA198, della compagnia statunitense, si é infatti rifiutato di salire per paura di un eventuale contagio, ma anche per paura di recarsi in una zona ‘rossa’ quale Milano.

La decisione

Tutto era pronto per la partenza. I passeggeri, tra cui una delegazione di 22 avvocati italiani, erano già nel finger, quando é stato dato l’annuncio di un ritardo di circa 25 minuti.

Un secondo annuncio ha protratto il ritardo a 55 minuti e, solo dopo, si é avuta la notizia ufficiale. Il #volo era stato cancellato.

American airlines

La decisione é arrivata poche ore dopo che il Dipartimento di Stato americano ha deciso di innalzare il livello di allerta per l’Italia da 3 a 4, in seguito anche alla morte del 50enne statunitense, contagiato dal coronavirus.

american airlines
Il discorso di Trump

Successivamente la compagnia americana ha annunciato ufficialmente di aver sospeso fino al 24 Aprile tutti i voli da e per Milano, dall’aeroporto JFK di New York e da quello di Miami. 

I disagi

I passeggeri del #volo, alcuni dei quali già a bordo, sono rimasti bloccati. Bloccati anche gli ingressi e coloro che erano saliti sono stati fatti scendere. A chi chiedeva informazioni, il personale ha spiegato che l’equipaggio si rifiutava di salire a bordo per paura del contagio da coronavirus.

Al momento– come racconta uno dei passeggeri- tutti i viaggiatori sono a terra, nella speranza di poter rientrare quanto prima, ma non riescono ad avere informazioni in merito”

Le parole di Trump

Dopo la notizia della prima vittima da coronavirus negli Usa, il presidente Donald Trump ha tenuto una conferenza stampa alla Casa Bianca per rassicurare gli americani.

Non c’è alcuna ragione per cedere al panico“, ha dichiarato con i suoi toni più rassicuranti. Ma, successivamente, ha invitato gli americani a non viaggiare in direzione di alcune zone d’Italia e della Corea del Sud, dove si è registrata una maggiore diffusione del virus. Vietati inoltre i viaggi in Iran. 

Il bilancio

Intanto si fa sempre più pesante il bilancio dei contagiati nella nostra nazione, saliti a oltre 1000. E l’Italia tutta vive un momento drammatico per la sua economia e per la sua immagine.

#IrmaSaracino