Segnala a Zazoom - Blog Directory

Sindone, l’enigma si fa certezza nella preghiera

Oggi il comunicato ufficiale dell’ostensione della Sindone sabato 11 aprile. Un avvenimento che riunisce il mondo nella preghiera.

Nelle nostre incertezze e nelle solitudini di questo momento drammatico la #preghiera rappresenta l’approdo salvifico. L’anelito universale verso quella salvezza che oggi non é solo spirituale. E la Sindone, perenne enigma della Storia, diviene il manto che copre questa umanità smarrita.

Sindone
La Sindone

Ci avvolge nel suo mistero alla scoperta di quel passaggio al di là del limite che é la #Pasqua. E ci parla di un tempo nuovo, un tempo di rinascita. La Sindone, il mistero, la #vita!

Ed é in questa speranza di salvezza che sabato prossimo, alle 17,00, quel lenzuolo di lino sarà mostrato al mondo, un mondo che finalmente riscopre l’amore.

L’annuncio

La notizia é stata data oggi, in via ufficiale, da mons. Nosiglia, Custode pontificio del sacro Telo, e l’evento sarà trasmesso in diretta per unire nella #preghiera questa umanità che soffre.

Papa Francesco, nel suo messaggio per l’ostensione del 2013, ci ha detto che non siamo noi che contempliamo, nella Sindone, un volto che ha gli occhi chiusi dalla morte.- ha dichiarato mons. Nosiglia- Ma è lui che ci guarda per farci comprendere quale grande amore ha avuto per noi, liberandoci dal peccato e dalla morte”

Sindone
Il volto

Quel volto parla al nostro cuore– ha soggiunto il Custode del sacro Telo- e ci comunica una grande pace ed è come se ci dicesse: abbi fiducia, non perdere la speranza, la forza dell’amore di Dio e del Risorto vince tutto. Cari amici, sparsi in tutto il mondo, vi attendo.”

Luci nel buio

Si accendono così tremule luci nel buio ingombrante di questo silenzio, rotto solo dai singhiozzi di un’umanità allo stremo.

La solitudine di un uomo

Luci di volti illuminati dalla speranza o forse dalla certezza di una fede sincera. Bagliori effimeri di lacrime che scendono sui volti di chi ancora sa pregare. Mentre il tempo scorre nel vortice dell’incubo e la vita si consuma in giorni tutti uguali.

Giorni nei quali il domani rappresenta un tassello in più in questo puzzle ormai scomposto della nostra esistenza. Giorni in cui si cerca di credere che, dopo, ci sarà una nuova alba, una nuova vita.

#IrmaSaracino

Le immagini di questo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: