Messina, spunta un passaporto per gli innamorati

Messina

Stupisce la proposta del sindaco di Messina, Cateno De luca. Un passaporto per gli innamorati separati dalle acque dello stretto.

Sarà per effetto del caldo sole di Maggio che illumina anche i cuori più induriti. Sarà per quel profumo inebriante che é nell’aria, fatto di fiori e delle mille fragranze della Natura al suo risveglio, ma anche il #sindaco di Messina, ormai volto celebre delle cronache e dei media, sembra pervaso da un’aura nuova.

Messina
De Luca, l’ultimo dei romantici

E, messe da parte le vesti di ‘sceriffo’, indossa l’abito dell’ultimo dei romantici. Perso, infatti, nella fragranza di un mazzolino che, virtualmente, invia alla ‘guerriera’ Santelli, si fa promotore di un’iniziativa fuori del comune. Un #passaporto per gli innamorati divisi dallo stretto.

In una lettera inviata alla governatrice della Calabria, infatti, le rivolge un accorato appello a voler infrangere le regole ferree imposte per l’emergenza coronavirus, in nome di quell’amore che dovrebbe vincere su ogni cosa.

E, forse dimentico della sua invettiva del 3 maggio contro le prestazioni sessuali, Cateno propone un lasciapassare per tutti gli #innamorati divisi dal mare.

Messina
I giorni della repressione

Il trionfo dell’amore

A una prima lettura la lettera, intrisa di uno sconvolgente romanticismo, sembrerebbe uscire dalla penna di qualche nota autrice di romanzi d’appendice, ma in realtà Il #sindaco di Messina, passionale, turbolento, mostra l’altro aspetto del suo carattere. Quello sentimentale.

Uomo d’altri tempi, torna a stupire. ‘Consentiamo di attraversare lo Stretto con assiduità non solo a chi è pendolare per ragioni di lavoro– scrive infatti con toni accorati- ma anche a chi lo è per questioni di cuore‘.

La mia – conclude poi – non è una facezia ma una simpatica proposta, con la quale spero di potere coniugare le ragioni del diritto con quelle del cuore‘.

Ah, potenza dell’amore! Cateno De Luca, l’uomo dei no, questa volta dice sì alle suppliche degli #innamorati. E lo fa secondo i suoi coreografici standard.

Intanto si attende la risposta della governatrice calabrese. Nella speranza, qualora la risposta sia affermativa, che non vi siano i soliti tempi biblici della nostra Italia per il rilascio dei #passaporti.

#IrmaSaracino