Nuova Zelanda, ucciso un poliziotto disarmato

Nuova Zelanda

Inspiegabile uccisione di un poliziotto in Nuova Zelanda. Era disarmato

Di lui non si conosce ancora l’identità, ma la sua morte ha lasciato esterefatti gli abitanti di un’intera nazione e non solo. In Nuova Zelanda infatti l’uccisione di un #poliziotto é un caso unico, raro, stante il carattere civile dei rapporti tra le forze dell’ordine e i cittadini neozelandesi.

Nuova Zelanda
Il luogo dell’uccisione

In Nuova Zelanda i poliziotti sono disarmati e la violenza non appartiene di certo ai loro metodi.

“Gli ufficiali non portano pistole- ha dichiarato sconcertato ai media locali Andrew Coster, capo della polizia- Abitualmente la polizia neozelandese ha le armi nel bagagliaio dei propri veicoli. E Questa é una situazione scioccante”, ha poi soggiunto.

Il fatto

Ma questa mattina #Auckland si é tinta di rosso. Non si conosce ancora l’orario preciso dell’evento e le notizie che arrivano sembrerebbero fornire il quadro di una #follia omicida inspiegabile. La follia di un uomo di appena 24 anni.

Tutto ha avuto luogo per le vie della metropoli neozelandese. Un incidente stradale, l’accorrere dei poliziotti in soccorso, poi l’inspiegabile furia omicida.

Il killer infatti, uscito dall’auto incidentata, con un fucile, ha cominciato a sparare all’impazzata, uccidendo un #poliziotto e ferendone un altro, unitamente a un malcapitato passante. Poi.. la fuga.

L’inseguimento

Ha avuto inizio così una vera e propria caccia all’uomo per le vie della città. Molte scuole in zona sono state chiuse, mentre la polizia ha sbarrato ai passanti l’accesso a diverse vie.

Nuova Zelanda
Gli sbarramenti

Alla fine, dopo un inseguimento durato diverse ore, l’uomo é stato preso.

Si ignorano le cause di un simile gesto e, soprattutto, non é chiaro se il killer avesse dei complici.

Le dichiarazioni di Jacinda Ardern

Perdere un agente di polizia è perdere qualcuno che lavora per tutti noi– ha dichiarato amaramente il primo ministro, Jacinda Arden- ma anche un membro della famiglia, qualcuno che è amato e amico”.

Le parole della leader, dettate anche dalla tristezza della circostanza, evidenziano però il rapporto esistente nella bella Nuova Zelanda tra le forze dell’ordine e gli abitanti di quella terra remota.

Un rapporto basato, finalmente, sul senso civico del rispetto reciproco e sulla fiducia.

#IrmaSaracino