Segnala a Zazoom - Blog Directory

Sulle note della Turandot Salvini parla a Taranto

Bagno di folla e note trionfalistiche per Matteo Salvini ieri sera a Taranto. Ma non sono mancate le contestazioni

Sulle note di ‘Nessun dorma’. Attesissimo il comizio di Matteo #Salvini ieri sera a #Taranto! Il capoluogo Jonico ha accolto con un bagno di #folla, in Piazza della Vittoria, il Matteo nazionale. L’uomo del futuro( almeno a suo dire), colui il quale dopo anni di discriminazione nei confronti del Sud Italia, ha finalmente fatto sue le problematiche dei meridionali.

Dopo aver messo da parte i rosari, #Salvini ha indossato infatti i panni del salvatore e, trionfalmente, sulle note di ‘Nessun dorma’, è salito sul palco di #Taranto. E così tra tricolori, sventolati con entusiasmo dai presenti, e bandiere della Lega ha avuto inizio il tanto atteso discorso.

Ovviamente Salvini ha ringraziato la ‘tanta bella gente presente’, filmando con il suo cellulare la folla plaudente. E a chi lo contestava con slogan irripetibili, malgrado la massiccia presenza di Forze dell’Ordine, ha replicato che non tutti possono essere appunto ‘ bella gente’.

Un esordio alla Salvini, non c’é che dire!

Il discorso

Dopo gli usuali toni da ritrovato salvatore della patria, l’istrionico leader si é dichiarato, così supportato, pronto ad affrontare il processo che lo vedrà sedere sul banco degli imputati, nei prossimi giorni, con rinnovato spirito e vigore.

Poi, come ormai é sua consuetudine, ha parlato dei problemi legati a questa ‘invasione’ di migranti clandestini, decisamente non gestita sapientemente dall’attuale Governo. E, alle sue parole, ha fatto eco l’applauso della folla, forse nostalgica del pugno di ferro di qualche leader del passato.

Successivamente ha toccato il problema più spinoso di Taranto: l’ex Ilva, facendosi garante di una futura soluzione di esso.

Ma l’entusiasmo generale ha raggiunto i toni più accesi quando Salvini ha messo in rilievo le potenzialità economiche della nostra area, legate prevalentemente all’agricoltura.

Insomma un discorso sapientemente costruito, in vista anche delle prossime elezioni regionali, che é andato incontro alle speranze ed alle aspettative di una popolazione cittadina ormai troppo stanca e provata.

Il futuro

Certo il futuro di questa città jonica é incerto e le prospettive di una definitva risoluzione dei suoi numerosi problemi appaiono lontane e, talvolta, irraggiungibili, ma i tarantini sperano.

E al Matteo nazionale vanno tutte le nostre congratulazioni. Evidentemente i meridionali sanno dimenticare!

#IrmaSaracino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: