La lunga notte di Palazzo Chigi

lunga notte

L’aumento dei contagi Covid allarma il nostro Governo. In arrivo un nuovo Dpcm per imporre ulteriori ristrettezze agli Italiani. Riunione animata a Palazzo Chigi nella lunga notte delle decisioni.

La lunga notte di Roma. Uno scenario triste quello che allarma questa Italia, già così provata dal #lockdown. Oltre 10.000 i contagi #Covid in un giorno! E la paura. Paura di non farcela, paura di questo nemico invisibile, sempre presente tra noi. Un tunnel buio, pieno di ostacoli, una strada da percorrere nell’incertezza più totale. Una ferita nel fianco della nostra economia che non si rimargina.

Poi, la povertà. Una nuova povertà che toglie la dignità, che vanifica le speranze di quanti avevano una vita, un ruolo.

lunga notte
Mensa per i poveri

Un ruolo, costruito faticosamente, con anni di sacrifici, distrutto da questa emergenza che impone la chiusura di locali, esercizi di vario genere.

Le mense per i poveri sono sempre più affollate e in tanti ricorrono alla Charitas per poter avere cibo gratuito, alimenti per poter sfamare i propri figli.

Tutto questo é il #Covid. Morte, disperazione, paura e povertà.

Il nuovo Dpcm

Una manciata di giorni, questo il tempo di durata del precedente Decreto. L’urgenza é tale che impone nuove e rigorose misure. Troppi i contagi e gli Ospedali tremano.

In questo clima terribile ha avuto luogo questa notte la riunione delle nostre forze governative a Palazzo Chigi. Una riunione movimentata che ha visto l’ulteriore spaccatura, in termini di opinioni, del Governo.

Una lunga notte, che ha salutato le prime luci dell’alba di un nuovo giorno, di una nuova speranza.

lunga notte
La notte di Roma

Per il momento non ci sono comunicati ufficiali e le ipotesi si susseguono. Si parla di coprifuoco, Ma non é stabilito ancora l’orario di chiusura dei locali. Alle 21, come in Francia? O alle 22? Un dilemma che é stato oggetto di un’animata discussione tra i capi delegazione dei partiti e il nostro premier, Giuseppe Conte.

Questi non nasconde la propria preoccupazione per il dilagare del virus, ma sostiene la necessità di regole più dure, però ‘proporzionate’ ( termine vago che non stabilisce alcun parametro).

Parla di stanchezza dei cittadini, ancora atterriti dallo spettro del #lockdown, e ipotizza chiusure localizzate. Intanto si attende il nuovo #Dpcm, previsto per lunedì prossimo.

Solo lunedì sapremo, conosceremo le decisioni e i provvedimenti presi in questa lunga notte, che ha animato le sale di Palezzo Chigi.

#IrmaSaracino

Lascia la tua opinione