Segnala a Zazoom - Blog Directory

Elezioni Usa, giorni di pura follia

Colpi di scena e minacce caratterizzano gli ultimi giorni delle elezioni presidenziali Usa. Trump vorrebbe licenziare il capo dell’Fbi, reo di non aver indagato su Biden

Non mancano i colpi di scena e gli intrighi sul palcoscenico movimentato delle elezioni presidenziali Usa 2020. Uno scenario che vede in vantaggio (stando ai sondaggi) lo sfidante John Biden, leader dei dem, contro un rabbioso Donald #Trump,

elezioni
Donald Trump

Il presidente uscente, infatti, vede sempre più inclinarsi la sua già precaria popolarità e scarica la sua rabbia su chiunque osi frapporsi ai suoi intrighi. Nel mirino oggi anche il capo dell’ #Fbi, Christopher Wray.

Questi, infatti, non avrebbe indagato sulla famiglia del rivale Joe Biden e non sarebbe in grado di fornire al tycoon informazioni su di essa. Il licenziamento in tronco, cosa non nuova per #Trump, potrebbe arrivare da un momento all’altro, ma in questo caso sarebbe in pericolo anche William Barr, il Ministro della Giustizia ed uno degli ultimi fedelissimi di The Donald.

Tensione alle stelle

Il clima che si respira all’interno della Casa Bianca è incredibile! #Trump, attaccato su più fronti, sente incombere su di sé lo spettro della sconfitta e non indietreggia di fronte a nulla. La sua strategia non appartiene certo alla sana politica, ma é quella dei reality show. Una campagna denigratoria e offese a dir poco irriguardose!

le sue promese convincono una minoranza del Paese, messo in ginocchio dall’emergenza Covid. E le sue elucubrazioni razziste minano il suo elettorato.

elezioni

La stampa gli é contraria e le inchieste del Nyt mettono a nudo verità troppo scomode per lui. La scoperta dei suoi conti bancari in Cina, infatti, é stata una sferzata senza precedenti e ha offuscato ulteriormente la sua immagine.

E sembra proprio che la follia domini le sue azioni. Messo in ginocchio dalla gionalista televisiva Samantha Guhtrie, nel dibattito stile ‘town hall’ della settimana scorsa, Trump é ormai considerato da molti ‘lo zio pazzo’ d’#America. Ed anche Obama , sceso in campo al fianco di Biden, lo considera tale.

Gli ultimi giorni

Ormai manca solo una manciata di giorni a quel fatidico 3 novembre, data delle elezioni presidenziali. Un giorno che deciderà le sorti di un Paese provato da una grave crisi e lacerato da recrudescenze razziste.

Una manciata di giorni, poi l’#America, il mondo saluteranno il nuovo presidente degli Stati Uniti.

Nel frattempo il duello Trump- Biden continua, senza esclusione di colpi. Questa sera, infatti, l’ennesimo scontro televisivo tra i due contendenti. Tra un Trump, miracolosamente e misteriosamente guarito dal Covid, e un Biden, politico navigato e uomo di innegabile acume. Certamente ne vedremo delle belle.

Ma il popolo non ha bisogno di questo. E la vita non é solo un reality show.

Si ha bisogno di certezze, di linee guida, ma soprattutto di una politica che sia espressione e soddisfacimento delle esigenze di una Nazione.

#IrmaSaracino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: