Segnala a Zazoom - Blog Directory

Kim Yo Jong: Americani, basta col fare puzza

Dure parole di Kim Yo Jong, sorella del dittatore nordcoreano, nei confronto dell’America di Biden

Non usa mezzi termini Kim Yo Jong, la sorella preferita dell’ormai noto dittatore della #Corea del Nord, Kim Jong un. E le sue parole cadono come sferzate violente proprio nel momento in cui il Segretario di Stato americano, Antony #Blinken, e il Segretario alla Difesa, Lloyd Austin, sono in viaggio in Asia.

Un momento decisivo per i colloqui di politica estera e sicurezza con gli alleati in Giappone e #Corea del Sud. Una tappa iniziale per stabilizzare il traballante equilibrio delle relazioni internazionali, conseguenza in parte dell’amministrazione Trump

Kim Yo Jon
Antony Blinken

Una dichiarazione o una minaccia?

Come riportato dall’Editoriale Reuters, l’amata sorella del leader nordcoreano, in un comunicato ufficiale, ha usato parole molto dure nei confronti degli americani. Parole ovviamente in linea con le colorite espressioni del celebre fratello.

Kim Yo Jong,
I due Kim

Dopo aver criticato aspramente la ripresa ‘primaverile’ dei giochi di #guerra degli Usa in Corea del Sud, la giovane, ma determinata signorina, ha messo in guardia la nuova amministrazione americana dal “causare puzza” se vuole la pace.

Un monito che sa di minaccia e che vanifica tutte le speranze del passato di un accordo tra Stati Uniti e Corea del Nord. La Corea del resto non ha mai accettato quel programma di denuclearizzazione proposto da Trump. Nè si é mai concretizzato quel sogno di una ritrovata unione con la Corea del Sud che popolò le fantasie di molti.

Le parole

E le parole di miss Kim Yo Jong, attraverso un comunicato stampa, hanno scritto la parola fine a una telenovela durata anni.

“Cogliamo l’occasione per avvertire la nuova amministrazione statunitense che si sforza di emanare odore di polvere ( ovviamente da sparo) nella nostra terra”, ha detto Kim  “Se vuole dormire in pace per i prossimi quattro anni, farebbe meglio ad astenersi dal provocare una puzza al primo passo”.

I ‘giochi di guerra’

Con un rituale che si perpetua da anni infatti la scorsa settimana le truppe sudcoreane e americane hanno iniziato un’esercitazione militare congiunta primaverile. Ma, questa volta, una ventata innovativa ha caratterizzato i ‘giochi di #guerra’.

Grazie ai prodigi della tecnica e dell’informatica ci si é lmitati a simulazioni al computer. Tutta colpa del coronavirus? O a causa di quel tenue spiraglio di luce balenato in passato nei rapporti con il Nord?

Il braccio di ferro della sorellina terribile

“Le esercitazioni di guerra e l’ostilità non possono mai andare d’accordo con il dialogo e la cooperazione”, ha dichiarato con determinazione Kim Yo Jong.

E, a giudicare dal suo cipiglio inflessibile, c’é da credere che le sue parole possano tradursi in pratica.

#IrmaSaracino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: