Segnala a Zazoom - Blog Directory

Turchia, ubriaco aiuta la polizia a cercarlo

Arriva dalla Turchia l’incredibile avventura di Beyhan Mutlu, sbronzo, ma pronto a partecipare alle sue ricerche.

Turchia. E’ ormai una celebrità Beyhan Mutlu, un 50enne protagonista di una vicenda che é balzata agli onori delle cronache internazionali. Una vicenda degna del copione di un film e che fa sorridere per i suoi contorni , a dir poco, assurdi.

Turchia
Beyhan Mutlu,

La sbronza galeotta

Tutto ha avuto inizio in un pub di Inegöl, città della Turchia. Una serata tra amici, una bevuta tra uomini. Giusto per rompere la monotonia di una quotidianità scandita dagli usuali ritmi. Una serata però che, dopo ore di bevute, ha assunto toni diversi, specie per il suo incredibile epilogo.

Il nostro Beyhan Mutlu si trovava lì, in compagnia dei soliti amici, quando d’improvviso si allontanava dal locale, ovviamente debitamente sbronzo.

E, forse affascinato dallo splendore notturno del #bosco vicino, decideva di addentrarvisi. Giusto il tempo di una passeggiata. Ma il tempo sa ingannare e scorre veloce, specie quando l’alcool obnubila la percezione di esso.

La moglie ansiosa

Le ore passavano inesorabilmente e l’attesa per la moglie del nostro uomo si faceva sempre più ansiosa. Inutile cercare di rintracciarlo. Il telefono di Beyhan restava muto.

Anche gli amici si chiedevano dove fosse finito il protagonista di questa storia e la preoccupazione cresceva. Insomma l’allarme era generale. Occorreva correre ai ripari.

Così, temendo il peggio, la signora Mutlu chiamava la #polizia, denunciando la scomparsa del caro #marito. E, a questo punto comincia il bello.

Le Forze dell’ordine accorrevano tempestivamente, munite anche di cani e accompagnate nella loro ricerca da volontari del posto. Cominciava così il setacciamento del #bosco.

Turchia
La notte nel bosco

Si cercava, ma dell’uomo nessuna traccia.

Tra i volontari, pronti a coadiuvare la #polizia, però si trovava anche un uomo non proprio sobrio. Uno dei tanti del posto, desideroso di dare il proprio contributo a quella spedizione notturna.

D’un tratto una voce sconosciuta gridò il nome dello scomparso e, nello stupore generale, il volontario brillo gridò: ” Sono qui”.

L’epilogo

Come é ovvio si sospendeva la ricerca e il nostro Beyhan veniva accompagnato a casa, dalla moglie. Forse felice di essersi ritrovato, ma preoccupato per le conseguenze di questa sbornia ‘galeotta’

#IrmaSaracino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: