Segnala a Zazoom - Blog Directory

I colloqui di Doha, sono solo parole?

Al via a Doha, in Qatar, i colloqui di pace tra Usa e Talebani. Intanto scatta l’ennesimo allarme terrorismo in Afghanistan.

Un momento storico, una data da ricordare quella di ieri, che ha visto, dopo anni di conflitto, sedersi al tavolo delle trattative alti funzionari statunitensi e #Talebani. Colloqui definiti dagli #Usa ‘candidi e professionali’.

Un’affermazione che lascia perplessi, soprattutto per la nuova veste di candore dei Talebani.

colloqui
Talebani seduti al tavolo dei negoziati

Una luce nuova quindi per gli studenti del Corano o un abbaglio, l’ennesimo, della delegazione statunitense?

Forse una nuova pagina

Alla luce delle dichiarazioni del portavoce del Dipartimento di Stato americano, Ned Price, sembrerebbe aprirsi una nuova pagina di un copione intriso di sangue e di terrore. Una pagina di redenzione talebana al fine del raggiungimento di una pace tanto sospirata.

Ma il copione di anni di guerra, che hanno seminato morte e povertà é ancora lì. Scritto sui volti degli Afghani e di quanti ancora piangono i loro cari, morti in un conflitto inutile.

Un copione che ha raccontato la storia di un Paese ormai ridotto alla fame e, attualmente, preda del terrorismo.

Aiuti umanitari

Proprio ieri, infatti, i governi #Usa e britannico hanno diramato un allarme che non lascia spazio a speranze di pace. Nuovo rischio di attentati nell’area degli alberghi afghani, specie l’Hotel Speranza, frequentati da cittadi americani e inglesi.

Un allerta che mina la sicurezza garantita dai Talebani e mette a nudo la loro incapacità di gestire la situazione critica del momento. Dopo la strage nella moschea di Kunduz si teme dunque una nuova azione terroristica dell’Isis, a quanto sembra mai debellata.

Lo spettro dell’Isis incombe minaccioso e fa sentire la sua voce sempre più spesso, seminando morte e distruzione.

I contenuti dei colloqui

Sempre Price ha comunicato alla stampa i principali argomenti trattati. In primo piano la preoccupazione americana per la sicurezza e il terrorismo. Poi il passaggio sicuro per i cittadini statunitensi, nonché per altri cittadini stranieri e afgani. E, per finire la salvaguardia dei diritti umani, inclusa la partecipazione delle donne e ragazze a tutti gli aspetti della società afghana.

Una partecipazione che, a quanto sembra, i Talebani di fatto non intendono garantire.

colloqui
Siamo solo donne

Gli Stati Uniti, inoltre , si sono impegnati a fornire assistenza umanitaria al popolo afghano, mentre i #Talebani, apparentemente sinceri e disponibili, hanno chiesto agli Usa di revocare il divieto sulle riserve della banca centrale afghana.

Il tavolo delle promesse

Trattative, quindi, sincere e professionali, almeno secondo la delegazione americana. Eccesso di ottimismo? Saranno i fatti a dare una risposta.

Fino a questo momento e, alla luce delle precedenti trattative con Trump, i nuovi leaders afghani non hanno mai tenuto fede alle promesse fatte.

Mentre in #Afghanistan soffia un vento gelido di fame e di terrore.

#IrmaSaracino

Lascia la tua opinione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: