Orrore in Australia. Surfista sbranato da squalo

orrore

Tragedia nel mare australiano. Un surfista, attaccato da uno squalo bianco, é morto per le ferite riportate. Orrore e sgomento dei presenti.

E’ finita tragicamente l’ultima avventura di un surfista australiano, in cerca di quell’onda perfetta che è il miraggio di chiunque pratichi questo sport. Una #morte terribile, carica di orrore per le immagini che evoca. Una #morte che travalica l’immaginario e lascia annichiliti.

orrore
Squalo bianco

Il fatto

Erano le 10 di questa mattina (ora locale), circa mezzanotte in Italia, quando un uomo di 60 anni, di cui ancora non si conosce l’identità, ha sfidato l’oceano, in cerca di quel brivido estremo che ha poi posto la parola fine ai suoi giorni.

Complice il caldo sole australiano e il fascino irresistibile di quel mare così denso di insidie, unitamente ai suoi compagni d’avventura, l’uomo con la sua inseparabile tavola si è immerso tra quelle onde. Questa volta per sempre.

orrore
Surfisti sull’onda

Uno #squalo bianco, infatti, di circa tre metri, lo ha aggredito alle gambe. Immediati i soccorsi dei suoi compagni che hanno messo in fuga lo #squalo e riportato a riva l’uomo. Troppo tardi.

Il maturo surfista è morto subito dopo nell’orrore generale.

Il mare al largo di Kingscliff Beach, nello stato del Nuovo Galles del Sud, si é tinto così di rosso e la vita di un uomo si é persa nello spasmo atroce di istanti terribili.

Le decisioni delle autorità locali

Immediati i soccorsi anche da parte delle autorità locali. La spiaggia infatti é stata chiusa per 24 ore, a causa della presenza dello squalo in quelle #acque.

Si é fatto di tutto, inoltre, per individuare l’animale, utilizzando ogni mezzo possibile. Ma l’impiego di moto d’acqua, droni ed elicotteri non ha prodotto alcun risultato.

Ma ciò che stupisce é la decisione della polizia del Nuovo Galles del Sud. Questa ha reso nota la propria decisione di non catturare o uccidere l’animale perché sta comunque lasciando l’area e non rappresenta più una minaccia.

Purtroppo quelle #acque sono tristemente note per la massiccia presenza di squali bianchi e dall’inizio dell’anno altri tre surfisti sono stati aggrediti. Ma la morte, con la sua falce, si é presentata solo questa volta.

L’ultimo brivido

L’ultima avventura

Questa volta un uomo, alla ricerca di quel brivido unico, si é immerso per l’ultima volta in quel mare.

Per lui l’ultima avventura, l’ultimo viaggio verso l’ignoto.

#IrmaSaracino