• Lun. Feb 26th, 2024

Il fantasma del castello di Laurenzana

il fantasma del castello

Legato all’alone di mistero che avvolge il borgo medievale di Laurenzana, in Basilicata, vi é il fantasma del castello, che domina la vallata

Il fantasma del castello. Sarà per quella natura ancora incontaminata che caratterizza le sue valli e anche le sue montagne, per i suoi colori aspri, densi come i suoi profumi, ma la Basilicata ha un fascino inspiegabile. Remoto, come la sua storia. Una storia in cui confluiscono antiche leggende, legate a una realtà prevalentemente contadina. Antiche superstizioni che danno un tocco di mistero ai suoi numerosi borghi disseminati su zone impervie, prevalenemente montuose.

il fantasma del castello

Ed é prorio in uno di questi borghi di circa 1.600 abitanti, #Laurenzana, che si erge in tutta la sua maestosità un maniero antichissimo.

Su di esso aleggia una leggenda che ha come protagonista il fantasma del suo fondatore che, stando ai racconti popolari, spartirebbe col fantasma di una donna ( ben più recente) le 365 stanze di questa fortezza.

Magia del territorio

Il mistero domina dunque la scena. Un mistero che ben si concilia con la magia di questo territorio in molti tratti selvaggio, incontaminato, ma le cui vestigia raccontano antiche origini e consuetudini di vita che ancora permangono nel tessuto sociale di questa terra fantastica.

Ed é proprio a Laurenzana che la curiosità di ogni visitatore s’incentra su questa incredibile costruzione che, come ogni maniero che si rispetti, bisbiglia i suoi misteri. Una costruzione di epoca normanna, che risalirebbe nella sua pianta originaria al 1150. E su di esso si addensano, nelle ore notturne, gli spiriti di un passato che sa di leggenda, ma che ha anche precisi riferimenti storici.

Il fantasma di Muettin del Merlo

Secondo un’antica narrazione, intorno all’anno Mille Muettin del Merlo , giovane saraceno privo di scrupoli, sarebbe giunto in questo luogo, unitamente alla sua banda.

Era il tempo delle incursioni arabe e la miseria, il terrore erano la costante di quei giorni per gli abitanti del posto.

In linea con gli standard comportamentali degli altri saraceni, Muettin, venuto a saper della presenza di un tesoro inestimanile, custodito da un monaco #eremita, decise di impadronirsene.

Uccise dunque il monaco e fondò in quello stesso luogo una fortezza inespugnabile. Appunto il nostro #castello.

Ma la maledizione si abbatté su di lui. I suoi uomini cominciarono a suicidarsi, mentre le notti divennero per lui un incubo. Sentiva infatti la voce dell’#eremita che gli diceva che il #castello avrebbe dovuto farselo da solo e da solo ci avrebbe vissuto fino alla morte.

L’epilogo

Il castello alla fine fu edificato, ma nessuno degli operai rimase vivo. Muettin cominciò gradualmente a essere preda della follia finché un giorno sentì nuovamente la voce dell’eremita. Spaventato e ormai completamente folle, cominciò a correre senza sosta, fino alla morte.

E, da allora, gli amanti del brivido giurano, stante anche l’aspetto sinistro del maniero, che il fantasma del castello, ovvero il protagonista di questa macabra storia, corra tra le mura della fortezza, illuminato solo dalla luce delle stelle.

#IrmaSaracino