• Mar. Feb 27th, 2024
Rigoletto

Primo appuntamento con la grande musica questa sera al Teatro Orfeo. Il Taranto Opera Festival apre la stagione invernale con ‘Rigoletto’

Al via questa sera la stagione invernale 2023/24 del #Taranto Opera Festival. Sulla scena del Teatro Orfeo, uno dei capolavori di #Verdi: Rigoletto. Un’ #opera di notevole complessità esecutiva che, unitamente al Trovatore e alla Traviata, costituisce la trilogia popolare del grande maestro emiliano.

Rigoletto
Il Rigoletto del Taranto Opera Festival

L’evento, organizzato dall’Associazione Musicale Domenico Savino, cui va il plauso per aver riportato la lirica a Taranto, s’inserisce in un programma di notevole rilievo. La Cenerentola di Rossini, il 20 gennaio 2024; il Requiem di Mozart, l’8 febbraio nella bella cornice della Concattedrale e, da ultimo,l’Elisir D’Amore di Donizzetti, il 9 marzo 2024.

Il cast del Rigoletto

Una manciata di ore, poi il sipario del Teatro Orfeo di Taranto si alzerà e i riflettori saranno puntati su di un cast che( almeno si spera) non dovrebbe tradire le aspettative del pubblico. Il tenore Zi-Zhao Guo, ben noto alle platee anche internazionali, vestirà i panni del Duca di Mantova, mentre il soprano Alexandra Procopovici saà l’infelice Gilda. Rigoletto, tragico protagonista dell’opera, avrà la voce di Luca Bruno, baritono di chiara fama.

Questi gli interpreti principali che saranno diretti da un maestro di alta scuola: Lorenzo Bizzarri. Alla regia invece, con la speranza che la moda minimalista imperante di questi tempi non snaturi questa bellissima opera, Vivien Hewitt.

L’orchestra sarà quella del Taranto Opera Festival e, dulcis in fundo, il coro dei Tarenti Cantores, ormai ben noto alla platea tarantina, diretto da Tiziana Spagnoletta accompagnerà i momenti più salienti del melodramma.

Le scene saranno a cura del bravo Damiano Pastoressa, coadiuvato dalla scenografa Silvia Giancane. I costumi che, ci auguriamo, siano in linea col contesto storico dell’opera, saranno a cura di Formediterre.

L’attesa

Tutto é pronto , dunque, per questo evento che darà l’avvio a una serie di rappresentazioni di notevole impegno. E questa sera, dopo la rappresentazione pomeridiana delle 16,00, le note immortali di Giuseppe #Verdi colmeranno i vuoti di una quotidianità non sempre facile.

Il grande compositore emiliano

Questa sera gli intrighi, le passioni, i rancori e le vendette della corte di Mantova proietteranno il pubblico in una dimensione altra, del passato, intensa e coinvolgente. Ma protagonista assoluta sarà la maledizione, mentre Rigoletto, buffone di corte infelice, farà vivere la tragedia di un padre che vede morire la figlia, unico suo bene, tra le sue braccia.

#IrmaSaracino